Danzareteatro, la seconda serata al Teatro della Tosse

di Diego Pizzorno e Gaia Clotilde Chernetich

Nella seconda serata della rassegna danzareteatro due compagnie genovesi hanno mostrato sul palco della Sala Aldo Trionfo i risultati della loro ricerca coreografica. Ed è bella da vedere, e non solo, la densità fisica e espressiva di entrambe le coreografie. Rispetto a quelli della prima serata, questi spettacoli si avvicinano di più ai confini della danza pura, facendo un profondo uso della tecnica e di una fisicità più atletica, in qualche modo meno “performativa” e più vicina a certi attuali canoni “europei”. Pur restando creazioni interdisciplinari e – in un’accezione positiva – ibride, entrambe le creazioni hanno mostrato una piacevole consistenza coreografica e una buona solidità espressiva.

La prima compagnia in scena è Dergah Danza Teatro in Patologia-corpo-paesaggio, con i danzatori Emanuela Bonora, Filippo Bandiera e il pittore Federico Palerma. Il palco è occupato lateralmente da una lunga striscia chiara, una tela distesa sulla quale il pittore inizierà a sovrapporre, uno dopo l’altro, colori e campiture, strati di bianco e di nero. Dalla platea, però, la visione si sdoppia, la tela sul palco è anche una proiezione in tempo reale sul fondale, elemento scenografico che restituisce un’idea di continuità tra la dimensione verticale e quella orizzontale dello spettacolo; tra ciò che accade al suolo, sulla tela, e ciò che accade “in aria”, nella danza. Filippo Bandiera inizia da solo il suo dialogo silenzioso con il pittore: un fraseggio fisico, che sa passare dalla fluidità a movimenti più scomposti. Emanuela Bonora entra in scena portando con sé una femminilità silenziosa e delicata, ma forte. Nel movimento del rapporto della coppia eccedono, inseguite da un crescendo ritmico, le ripetizioni, le stesse che ipnotizzano una coreografia che – giocando soprattutto con la verticalità – non lascia spazio a momenti di attesa. Il rapporto visivo col pittore si trasforma in sospensione: quando Palerma incrocia lo sguardo dei danzatori, ne sospende la dinamica, quasi a voler fare un punto della situazione. Nel frattempo, la tela si riempie di segni, linee, cerchi… ma è solo alla fine che, a compimento di un ottimo lavoro, i danzatori si riuniscono col colore, entrano a farne parte fisicamente, sdraiandovisi sopra, vicini, un attimo prima che si spengano le luci.

La seconda parte della serata è di Nicola Marrapodi che, con la danzatrice Cristina Banchetti, porta in scena una coreografia dal titolo m/f. Il lavoro di Marrapodi punta tutto su una danza fisica, intensa, e su una gestione dello spazio scenico articolata. All’inizio la scena è divisa a metà come se ciascun danzatore, muovendosi avanti e indietro, disegnasse col movimento un corridoio di luce. L’avvicinamento dei due danzatori è successivo, e passa attraverso un cambio di costume a scena aperta. Nudi per un momento – di schiena sul fondo della scena – l’abito “civile” entra in scena come preludio di un’intimità maggiore. I duetti si susseguono uno dopo l’altro, fluidi nonostante l’intensità e la complessità dei gesti, a volte particolarmente virtuosi, finché Cristina Banchetti non rimane sola in un cerchio di luce, con lui che le gira attorno osservandola. È evidente, per entrambi i danzatori, l’importanza di un bagaglio tecnico forte e di una capacità espressiva che passa soprattutto attraverso il puro lavoro del corpo. Un buon lavoro, due validi danzatori. L’autore, Nicola Marrapodi, è a suo agio nel linguaggio che sceglie. L’augurio è che possa continuare a lavorarlo, per renderlo ulteriormente personale e finemente evocativo.

Danzareteatro

Teatro della Tosse

17 maggio 2013

Dergah Danza Teatro

patologia-corpo-paesaggio

con Filippo Bandiera, Emanuela Bonora, Federico Palerma

da un’idea di: Federico Palerma

coreografia: Filippo Bandiera e Emanuela Bonora

Nicola Marrapodi

m/f

di e con: Cristina Banchetti, Nicola Marrapodi

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: